Non vi accalcate!

Da quattro anni “Non vi accalcate!” è l’appello recitato come un mantra dall’autore di queste “cronache” allo scopo di attirare l’attenzione dei passanti sul suo banchetto di libri nella via principale di Lecce, la capitale del barocco.

Non vi accalcate racconta la mia vita di scrittore di strada

Una via percorsa quotidianamente da migliaia di turisti e popolata da personaggi strampalati, artisti di strada caciaroni, mendicanti creativi, un girone dantesco di anime in pena con il quale è costretto suo malgrado a convivere.
Per non ricorrere all’analista, nei quattro anni vissuti in strada il sedicente “scemo del villaggio” ha l’accortezza di registrare esperienze, incontri edificanti, lezioni di vita e piccole meschinità. Ne viene fuori uno spaccato di una città di privincia a vocazione turistica e uno straordinario abbecedario umano tratteggiato con pungente ironia e spietato sarcasmo in ossequio al politicamente scorretto.

Il libro inizia così:

simone mele libro non vi accalcateCaro lettore, se stai leggendo questo libro ci sono ottime probabilità che tu abbia ceduto al mio asfissiante corteggiamento e ti sia fermato al famigerato “banchetto”.
Ti faccio i complimenti, perché quello che stringi tra le mani è un libro prezioso, è la “summa” di quattro anni meravigliosi, vissuti intensamente in strada a stretto contatto con uno straordinario repertorio di varia umanità formato dai miei lettori ma anche e soprattutto da gente comune che, per lavoro, per diletto o perché residente, bazzica via Vittorio Emanuele II  a Lecce, comunemente detto “il corso”, dove promuovo le mie opere.
Per fare questo nel più produttivo dei modi, sono costretto a un’osservazione continua dei passanti per capire se in mezzo a questo via vai si nasconda un potenziale lettore.
Quest’indagine quotidiana ha appunto luogo nella via principale della mia città, dalla quale, se sei un turista nella capitale del barocco, è obbligatorio transitare.

Ma facciamoci due conti: solo al mio banchetto si saranno fermate in questi anni circa ventimila persone, sommiamo a queste tutte le altre che sono passate davanti, soprattutto turisti (nell’anno 2017 sono state registrate 700.000 presenze), puoi allora farti un idea del materiale umano (e non) che ho dovuto esaminare.
Gli incontri indimenticabili, le avventure e le disavventure, i personaggi demenziali, le piccole lezioni di vita che solo la strada ti può impartire, gli habitué che satellitano intorno al mio banchetto,
questi, insieme ad altre storie, ho avuto l’accortezza di fissarli in brevi post su Facebook inserite in una rubrica dal titolo “Cronache dal banchetto” e su un’agenda verde che in questi anni mi ha fatto compagnia durante le frenetiche giornate di lavoro.
Facebook mi ha annoiato, nell’agenda traboccante di aneddoti non c’è più uno spazio vuoto e allora, invece di comprarne un’altra o trasferirmi su Instagram, mi sono chiesto: perché non scrivere un libro?

Formato ebook:

Per chi volesse la copia cartecea del libro con dedica autentica dell’autore può richiederla scrivendo a: simomele6@gmail.com 

One thought on “Non vi accalcate!

Comments are closed.